La Prossimità Sociale – Il Punto Legale

Occorre sfatare la percezione dell’avvocato; Infatti al Professionista è spesso associata all’idea di doversi rivolgere solo quando sorge il problema e bisogna ricorrere in giudizio.
Recentemente mi è infatti capitato di assistere un cliente rimasto coinvolto in un contenzioso . Non solo è stato costretto a difendersi sborsando in spese legali un importo pari a circa 1/3 del guadagno ricevuto per una transazione commerciale, ma è anche emerso che il problema era sorto per responsabilità sua, poiché aveva preparato dei contratti fai-da-te attraverso “copia ed incolla” di pezzi di altri contratti e inserendo una determinata clausola senza rendersi conto della sua portata- come prendere un medicinale senza ricetta.

Evidentemente è sufficiente andare su un motore di ricerca in internet ed inserire le parole chiavi “clausola arbitrale”, o contratto trovare il
risultato e pensare “sì, questa mi sembra scritta bene, copio il testo e lo trasferisco nell’accordo per scoprire poi che quella clausola non è valida.

Che fare allora? Sei costretto ad andare dall’avvocato a cercare consiglio e ti chiedi a quel punto se non sarebbe stato meglio spendere
prima e meno ed avere un contratto predisposto dal professionista piuttosto che ricorrere a lui solo quando il problema si è presentato.

Ciò che intendo mettere in evidenza è che la figura dell’avvocato non deve essere presa in considerazione solo quando il problema è
presente, il ruolo chiave è quello di non far sì che il problema si presenti.

barato farmacia